Weekend a Verona: un fine settimana dedicato al piacere

Quando weekend diventa sinonimo di abbandono della routine, perché non pensare ad un fine settimana fuori città?

Che sia una gita enogastronomica, un’uscita turistico-culturale o un fine settimana dedicato al relax vi consigliamo un weekend a Verona. La celebre fiera del riso, le auliche rappresentazioni teatrali e le terme storiche sono solo alcuni dei luoghi che la zona urbana e provinciale offre.

Verona: città degli innamorati

Verona deve il suo secondo nome a Shakespeare, che proprio lì decide di ambientare la romantica, ma tragica, storia di Romeo e Giulietta. La città scaligera ancora oggi è custode delle tracce che la letteratura inglese ha impresso sulla sua identità. Per questo, uno dei suoi monumenti simbolo è proprio la casa di Giulietta, in particolare il balcone, e la statua della protagonista, oltre che la tomba, che consacrano il mito della famiglia dei Capuleti.

Il drammaturgo francese de Muset sostiene che non si può abbandonare la città senza gettare un fiore sulla tomba della celebre fanciulla, per ricordare la potenza di quell’amore così sventurato, ma forte, che vive eterno dentro la poesia.

La bellezza dell’Arena

Teatro Filarmonico, Teatro Romano, Torre dei Lamberti e Castel San Pietro sono solo alcuni degli edifici storici che il centro urbano presenta ai turisti di tutto il mondo. Che si decida di visitare la Verona medioevale o quella romana, non si potrà che assistere ad uno spettacolo senza tempo.

Il simbolo, per eccellenza, della città è certamente l’Arena; dopo oltre 2000 anni dalla sua realizzazione rimane ancora tappa obbligatoria dei visitatori. Se nel passato l’anfiteatro era utilizzato per spettacoli con protagonisti gladiatori e animali, oggi, con più gloria e splendore, continua ad ospitare grandi personaggi del mondo della musica e della tv.

La struttura, grazie alla sua capienza e alla potenza acustica, si presta molto bene a rappresentazioni di un certo spessore, sia di cantanti moderni, che di opere teatrali che hanno fatto la storia della lirica, come Carmen, Nabucco e Aida.

aida all'arena di verona

L’ Aida all’Arena 

Spesso si sente parlare dell’inizio della stagione dell’opera ma non tutti hanno avuto modo di vedere gli spettacoli che l’Arena di Verona offre. Tra i più conosciuti c’è l’Aida di Giuseppe Verdi, ma sappiamo davvero di cosa parla?

Due giovani si innamorano, questi però appartengono malauguratamente a due famiglie in contrasto tra loro, a causa delle loro origini nazionali. La trama assomiglia a quella di Romeo e Giulietta, ma i protagonisti sono Aida e Radamés; lei figlia del Re d’Etiopia e il lui guerriero, della carriera promettente, del Faraone d’Egitto.

Non ti racconteremo tutta la vicenda, vogliamo piuttosto invitarti ad andare a vedere L’Aida proprio a Verona, per scoprire tu stesso le emozioni che ti lascia addosso, nella città più adatta alla rappresentazione.

Cosa rimane dell’Aida oggi

Come avrai intuito l’opera tratta di una storia dai contorni tragici, ma cosa è possibile comprendere dalla stessa?

Il tema dell’amore è forse il più trattato tra quelli degli spettacoli teatrali e televisivi, ma Aida e Radamés hanno avuto il coraggio di rispettare il loro sentimento andando contro alla loro stessa esistenza, di figli delle loro terre e di esseri viventi. In una società così arcaica sono riusciti ad oltrepassare i pregiudizi più radicati nella loro cultura per scoprire un sentimento profondo, senza etichette o barriere, ma aperto alla verità dei fatti.

Quattro atti che raccontano una storia che non finisce dentro il suo racconto. I giovani d’oggi avrebbero bisogno di riscoprire questa storia per comprendere a pieno il peso che ideali e sentimenti hanno nella nostra quotidianità, anche attraverso un weekend a Verona, che può unire piacere e cultura in un’unica soluzione.

aida all'arena: weekend a verona

Leave A Comment

Your email address will not be published.

cinque × tre =