Il fascino della città

Tra i capoluoghi di provincia veneti Padova si mette in luce grazie all’apporto culturale e storico che l’hanno resa celebre nel tempo. Sede di una delle più famose università italiane, la Città del Santo è ampiamente conosciuta per Prato della Valle, Cappella degli Scrovegni ma anche il Caffè Pedrocchi e le vie dello shopping, un passato glorioso mixato ad una quotidianità moderna.

Dunque, tra le tante bellezze presenti, cosa visitare a Padova in un fine settimana?

Vi faremo piccolo excursus dei luoghi più noti della città, tra arte ed eleganza.

Weekend a Padova: da Cappella degli Scrovegni a Palazzo del Bo

Trascorrere un weekend a Padova significa immergersi in un’atmosfera magica e speciale, che comincia proprio dalla Cappella degli Scrovegni.

L’edificio è divenuto patrimonio nazionale dell’arte occidentale grazie agli affreschi realizzati da Giotto agli inizi del 1300, su commissione di Enrico degli Scrovegni. Dalla fine del 1800 la Cappella diventa proprietà della città e da quel momento si susseguono una serie di restauri che hanno permesso all’opera storica di conservarsi intatta sino ad oggi.

Il Palazzo del Bo è un altro edificio simbolico, immancabile nella lista delle cose da visitare a Padova.

Sede storica dell’università di Padova, il Palazzo è composto al suo interno da diverse sale e cortili importanti, come il Teatro Anatomico e la Sala dei Quaranta; quest’ultima ospita tutt’oggi la cattedra di Galileo Galilei, che lì ha insegnato per diciotto anni, dando inizio al metodo scientifico moderno.

Prato della Valle e la Basilica del Santo

Tra i lunghi porticati che affiancano le viette padovane si apre Prato della Valle, la seconda piazza europea per superficie; ben 88620 mq di spazio suddivisi tra zone di verde e di monumenti, con quasi 80 statue ad oggi presenti.

Il prato è molto frequentato dai giovani della città e si configura come una zona piacevole per le passeggiate estive e i ritrovi serali, grazie alla bonifica ambientale effettuata dopo gli anni ’90.

Su di esso si affaccia la famosa Basilica di Santa Giustina, inoltre, da lì non dista molto la Celebre Basilica di Sant’Antonio. Visitata da milioni di pellegrini ogni anno, all’interno della Basilica è possibile seguire il percorso spirituale o quello artistico, a seconda delle preferenze; in qualsiasi caso l’edificio non potrà che lasciarvi a bocca aperta per le bellezze che nasconde, non si possono scattare foto, ma lo spettacolo che vedrete vi resterà certamente impresso nella mente.

Cosa vedere a Padova

Cos’altro visitare a Padova? Le piazze più famose

Uno dei mercati storici in piazza più grandi al mondo si svolge proprio a Padova tra Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta, per un totale di oltre 120 bancarelle presenti tuttora.

Gli orari in cui si svolgono questi mercati variano a seconda della zona, generalmente il sabato è possibile accedere alle aree commerciali di tutte le piazze. Tra i due antichi centri commerciali ha sede il Palazzo della Ragione, che nel suo salone offre un tesoro storico culturale di immenso valore, costituito da oltre 200 metri di affreschi. Piazza della Frutta è caratterizzata inoltre dalla Colonna del Peronio.

Un altro centro riconosciuto è Piazza dei Signori, con la celebre Torre dell’Orologio, luogo rappresentativo della città. Questa piazza dà anche la possibilità di accedere a diversi bar, punti di ristoro molto accoglienti per uno spuntino veloce o un aperitivo caratteristico, con protagonista il tipico Spritz, bevanda alcolica composta da Prosecco, acqua frizzante e Campari, o Aperol, a seconda delle preferenze.

Shopping a Padova e Caffè Pedrocchi

Un piacevole momento di pausa e relax lo potete trascorrere al Caffè Pedrocchi, meta simbolo dei padovani e tappa tradizionale dei turisti della città. Si tratta di uno dei più importanti Caffè europei, e tra gli italiani, uno dei pochi superstiti. Storicamente è stato luogo di ritrovo di letterati, artisti e uomini di cultura dello spessore di Gabriele D’Annunzio ed Eleonora Duse.

Ancora oggi il locale vede aleggiare tra le sue pareti tracce di signorilità, di letteratura e della storia dei personaggi che sono passati di là.

Trascorrere un weekend a Padova significa quindi passare da un patrimonio artistico culturale all’altro, dagli spettacoli ai sapori tipici del luogo, ma scoprire la città nella sua interezza significa anche fare acquisti. Camminando tra i vicoli del centro spesso capiterà di imbattersi in negozietti e botteghe che realizzano prodotti artigianali, lavorati con cura e una professionalità che si tramanda di generazione in generazione. Oltre a questi sarà possibile accedere ad oltre 300 attività commerciali di diverse tipologie, che si diramano anche in zone meno centrali, dagli accessori ai profumi, passando per le grandi marche di abiti e l’abbigliamento casual. Moda e design di alterneranno per esaltare il fascino femminile, anche attraverso boutique di lingerie e profumerie, che uniscono qualità di prodotti e materiali e prestigio delle firme.

Padova si presenta come una città in grado di rispondere alle più disparate esigenze di turisti e abitanti. All’interno del suo patrimonio storico lascia ampio spazio alla quotidianità e ai bisogni contemporanei legati alla toccata e fuga di un weekend, che possa portare con sé una esperienza piena di arricchimento personale, ma anche di svago.

Cosa visitare a Padova in un weekend

Leave A Comment

Your email address will not be published.

2 × 3 =