Riepilogo

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

I must have che scalderanno la stagione fredda

di Pellizzari
È ormai giunto anche questo Autunno Inverno e affrontare il cambio di stagione al massimo dell’eleganza non può che essere un buon modo per iniziare col piede giusto la nuova stagione.
 
Dalle passerelle alle collezioni ben evidente è la positività, espressa per mezzo di colori brillanti, ma possiamo percepire nel contempo anche rassicurante comodità e versatilità, voglia di riprendere a sognare e vivere la vita appieno: tutti argomenti protagonisti dei prossimi mesi, ma come poter scegliere al meglio tra tutti i trends proposti? Quali saranno i temi più forti che maggiormente prevarranno durante i mesi autunnali e invernali?

Se vi state chiedendo quali fossero i trend, o ancor meglio, i must have di questo Autunno Inverno questo articolo potrà accontentare la vostra curiosità fornendovi una pratica guida per orientarvi superbamente tra le tendenze della stagione a venire.
Prima tra tutti troviamo senza dubbio la lana, morbida e accogliente. Vediamo il suo evolversi nella stagione fredda alle porte, di forma in forma sempre più soffice: sia poi essa concretizzata in confortevoli maglioni, cardigan, abiti o completi.

La comodità ora si esprime servendosi del linguaggio dei tessuti caldi, Marella ce lo racconta unendo femminilità e praticità, alzando la temperatura e permettendo di non rinunciare a eleganza e sofisticatezza.
 


Un altro punto forte è assolutamente la fantasia tartan; applicata in un capospalla rappresenta uno dei maggiori must have di questa stagione, ampiamente sfoggiato in passerella e perfetto per impreziosire con un tocco di stile e ricercatezza. Meglio ancora se completato da cardigan e/o gonna in abbinamento e, perché no, col bordo adornato di frange; altra tendenza molto presente rilevata nelle collezioni invernali.

Le sovrapposizioni e l’abbinamento di colori e tessuti diversi giocano un ruolo importante in questo Autunno Inverno permettendo di valorizzare sia i capi, con le rispettive e differenti caratteristiche, sia la donna che osa con questo look conferendole un fascino accattivante e dinamico.

Levi’s concretizza questo concetto e rende ben evidente la sua bellezza e forza espressiva intrecciando armonicamente le diversità di un abito in velluto a coste rosso mattone, una giacca in denim blu scuro – per definizione capo portavoce di versatilità e carattere – e una camicia bianca.
Il tutto è accessoriato con cintura in cuoio marrone, look dal retrogusto vintage ma in chiave moderna e deliziosamente trendy, per quelle donne che amano esprimere la propria femminilità in un modo un po’ romantico ma estremamente raffinato.
 


Vediamo ora come il fascino delle sovrapposizioni, il calore della lana e, dulcis in fundo, il carattere della pelle, possano formare un abbinamento perfetto.

Argomento ancora una volta di grande rilievo la pelle nella Fall Winter 2021/22, non accenna a interrompere la sua affluenza e si fa presente in ogni elemento fashion. Vediamo come ogni pezzo trova nuova identità componendosi di nappa e, come spesso accade, domina il nero, ma appare anche qualche variante cromatica, rendendo i capi talvolta ancora più interessanti.

Weekend Max Mara accosta un cardigan in maglia, dai motivi della trama di riferimento ai capi caratteristici dell’abbigliamento nordico, con dei pantaloni in velluto a coste, lo stesso dei profili dello scollo del cardigan. Elementi che avvolgono e riscaldano l’aspetto con tenerezza, grazie anche alla romantica camicetta con rouches di pizzo, poi spezzati e ravvivati da una grintosa maxi pochette in pelle beige. Niente di meglio per affrontare il freddo con grinta, senza dover necessariamente abbandonare il proprio lato tenero.
 


Che sia grintosa, romantica, sognatrice o raffinata, in questo Autunno Inverno la donna che non vuole rinunciare alle proprie sfaccettature avrà modo di esprimersi al meglio e, ovviamente, senza mai mancare di stupire con uno stile distintivo e al passo col tempo in cui vive.
 
Articolo a cura di Chiara Naretto