Riepilogo

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

Look sfiziosi da bambina: ecco tre proposte a tema rock!

di Pellizzari
L’autunno è arrivato: è cominciata quella stagione in cui è in momento di rispolverare capi come il chiodo in pelle, il bomber imbottito e le prime sciarpe e berrettini della stagione. Pezzi così trendy aggiungeranno un tocco rock a dei semplici look da bambina: scommettiamo che se ne innamoreranno anche le mamme?

Look sfiziosi da bambina: il bomber

Chi ha detto che il bomber è solo un capo da maschietto? Se è imbottito in morbida ecopelliccia ed è tagliato come un chiodo, sarà perfetto anche per le più sportive tra le bimbe! Un’idea potrebbe essere proprio quella che propone Gaudì: un bomber nero da portare direttamente sopra ad una maglia bianca a manica lunga e da indossare con un paio di jeans, sia blu che neri. Solo per bimbe dall’anima rock!

Look sfiziosi da bambina: il chiodo in pelle

Il chiodo, insieme al trench, è per eccellenza la giacca della mezza stagione. Super sportivo e versatile, possiamo metterlo su un abitino per uscire a pranzo la domenica con i nonni, ma anche sopra ad una felpa e un paio di jeans per le nostre bambine sempre in movimento, a cui piace giocare e sentirsi comode. L’outfit di Liu Jo Junior per loro sarà proprio perfetto: se poi ci aggiungiamo un paio di stringate con un maxi fiocco, le nostre bimbe si sentiranno delle piccole principesse!

 

Look sfiziosi da bambina: un tocco di colore

Per più grandicelle che vorrebbero cominciare ad assomigliare alla mamma, l’accoppiata chiodo e vestitino non potrà mancare nel guardaroba, insieme alla prima borsetta da portare sempre con sè. Come rendere l’outfit adatto alla loro età? Con un tocco di colore! Come ha fatto Elsy Girl con questo look dedicato alle bimbe che si sentono delle signorine: il berrettino e la sciarpa fucsia riprendono il colore della fantasia dell’abito e la borsa con la tracolla a catenella e le piccole borchie metalliche farà invidia perfino alla mamma!
 
​​​​​​​
 
Articolo a cura di Angela Inferrera